domenica 6 gennaio 2013

657 - ispirazioni e gioie semplici per Gennaio - prima parte

"In questa fase dell'anno, dal regno dell'Ovest, che ci era venuto incontro con le sue ombre, con i primi freddi e le foschie, siamo entrati in pieno nel regno del Settentrione gelido e solitario [...] 
L'aria si oscura in men che non si dica poco dopo l'ora del pranzo, e si piomba tutti in una notte veramente lunga. [...] 

Silence and secrets - disponibile la stampa

Ma la Terra, in quale punto del viaggio cosmico viene a trovarsi? Ha lasciato il Sagittario, ultima costellazione del tempo d'Autunno, e viene a specchiarsi nel Capricorno, prima fase dell'Inverno. Capricorno è per eccellenza il segno astrologico del freddo, del buio, della durezza, della solitudine, della staticità, del silenzio; e nella tradizione astrologica, è governato da Saturno, che tutti questi aspetti rappresenta e tutela. 


Prima o poi l'amore arriva - disponibile la stampa

Già con l'Autunno era iniziato un fenomeno di caduta, di spoliazione; ebbene questo fenomeno ora è molto più accentuato, e si manifesta come nudità assoluta e generalizzata, dominante. Anche i sempreverdi battono in ritirata e s'impoveriscono.  Le manifestazioni più estroverse della vita naturale vengono a scomparire del tutto (fiori, foglie, teneri virgulti: niente di tutto questo esiste più). Ogni vivente vegetale appare scheletrico e abbrunato, configurandosi completamente diverso, irriconoscibile, rispetto a come era apparso in Primavera o in Estate. Tutto diventa plumbeo, ogni vivente si riduce all'osso, come si suol dire (Saturno e il Capricorno governano le ossa!).


La medicina buona - disponibile la stampa

D'Inverno dunque il minimo di luce, il minimo di vitalità, il minimo di sonorità. L'essenzialità più brutale. Il silenzio si unisce all'atmosfera grigia, e ognuno si sente gravato da un peso insostenibile. Gli animali tutti cercano la tana, dormono molto o vanno in letargo. Il cielo non canta della presenza degli uccelli, in gran parte trasmigrati, e comunque gelosi del nido. [...] La linea di forza dell'energia va a ritroso e all'interno, non più in avanti e all'esterno. Il buio, la stasi, il grigiore, il silenzio, il freddo, costruiscono immagini di un paesaggio desolato. Il terreno è come bruciato e i tappeti di erbe sono maceri e sviliti. Tutto questo è Capricorno. 


Lasciami entrare - disponibile la stampa

Astrologicmente si tratta di una costellazione identificata con una figura immaginaria, costituita per la metà superiore da una capra, e, per la metà inferiore, da una coda di pesce avvoltolata su se stessa, quasi coda di sirena. La figura vuol indicare l'ascesa sulla montagna (che è mondo da capre) e la concentrazione (ben resa dalla coda arrotolata su di sè).
Montagna: espressione del dominio della terra; ovvero dove si ha concentrazione di terra.


Cingendo la luna - disponibile la stampa

La vita dell'Inverno, la vita della montagna, l'esistenza da condurre nel buio e nel freddo sono anche concentrazione, energia che rientra in sè, e dunque si condensa. Siamo ormai sprofondati dove gli usuali modi della vita diurna risultano inutilizzabili. Ora, per superare le asperità, occorre sapere concentrarsi, sapere chiudersi, saper far di sé una roccaforte; perchè, ora, siamo chiamati a nasconderci, a entrare in noi; a uscire il meno possibile. La condizione ora prevalente è quella della semplicità e del riposo: basta seguire i ritmi e i segni cosmici."
Marcella Rossi - La via del cibo -  ali&no editrice


Pomeriggi invernali - disponibile la stampa

con le parole di Marcella Rossi, autrice di questo libro bellissimo, direi quasi mistico - dall'argomento principale che è il cibo, va a toccare corde molto più profonde - che consiglio a tutti coloro che leggendo questo brano si sono sentiti a casa  - cosa che a me capita sempre, anche rileggendolo per la trecentesima volta - ci ritroviamo per questo inizio di anno. 
e mi piace iniziarlo proprio da qui. da dove siamo ora. con alcuni pensieri dedicati alla stagione e al mese che stiamo vivendo.
qui la prima parte, dedicata alle ispirazioni simboliche che giungono da cielo e terra.
nei prossimi giorni la seconda, dedicata alle gioie semplici che questo momento dell'anno chiede e favorisce.
a tutte/i buon anno! e a presto :)



14 commenti:

  1. che belle Tiziana, sono favolose! che belle non riuscivo a smettere di guardare ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. geazie Maddalena! detto da te poi, mi fa ancora più piacere! buon anno cara :)

      Elimina
  2. uh, ma quanto mi piacciono questi tuoi post!
    aspetto con grande ansia la seconda parte.
    e, riguardo questa prima parte, come mi ritrovo "a casa" (come dici tu): non solo nelle parole di questo libro - che vado immediatamente a cercare - ma anche nelle atmosfere che evoca e racconta così bene.
    grazie, Tiziana: oggi mi hai fatto (e non è la prima volta!) un bellissimo regalo!
    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te Alessia. spero che il libro ti possa dare quanto ha dato e dà sempre a me. un abbraccio :)

      Elimina
  3. Adoro la tua arte.. e queste parole che hai riportato sono state una carezza al cuore. Sì, ci si sente a casa a leggerle.. in una dimensione lontano dalla quale non vivo. Ti abbraccio stella. Con affetto. <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e io abbraccio te Ely, augurandoti un anno proprio come lo pensi, lo immagini, lo desideri. grazie, a presto :)

      Elimina
  4. Ciao Tiziana, piacere di conoscerti e complimenti davvero per i tuoi lavori. Mi piace il tuo stile e sono curiosa di scoprire tutto il tuo blog. E...buon anno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Ilenia! e piacere mio di conoscere te. un caro saluto e a presto :)

      Elimina
  5. Che inizio col botto! Tutto splendido, le tue meraviglie legate ad altre meraviglie.
    Bellissimo e poetico.
    Buon anno Comarita
    Smuaccc
    e°*°

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie :)
      e a te Elenita, con tutto il cuore, l'augurio di un anno splendido.
      un abbraccio :)

      Elimina
  6. ecco. ora prendi il commento di Alessia, duplicalo e attaccaci sotto la mia firma. grazie davvero ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiara :) grazie anche a te, grazie davvero :)

      Elimina
  7. Io adoro l'iverno, ormai lo sai bene e amandolo lo trovo vitale quanto le altre stagioni; forse le descrizioni della scrittirice si rifanno a tempi in cui l'inverno era davvero il "momento dormiente" dell'anno, senza gemme, senza verde, con il buio più presente della luce, con la vita rintuzzata nel profondo; condizioni che amerei ritrovare, che ogni anno aspetto, ma che ormai ritrovo per brevi momenti in questa stagione. Se guardo dalla mia finestra posso vedere i sempreverdi rigogliosi, i prati dei giardini verde smeraldo e il mio lillà con le gemme gonfie e qualche timido fiore che occhieggia. Sarà il riscaldamento della terra, ma gelo, galaverna, neve, elementi che abitavano la mia regione ai tempi in cui ero piccola, ora sono sempre più rari.....ciò non toglie che le parole che ho letto siano davvero belle ed evocative, ma ancor più belle le tue opere, che amo guardare e riguardare!!! Un bacio Tiziana e ancora auguri per un anno bello e ricco d'ispirazione.
    Monica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Monica :)
      sì, capisco cosa dici. io ho riportato solo una piccola parte delle considerazioni invernali fatte dalla scrittirce; leggendo il seguito, si capisce come lei intenda descrivere l'inverno più come stato mentale, simbolicamente specchio del cosmo. sono considerazioni arcaiche le sue, che forse risuonano tanto in me, che sento fortemente questi richiami archetipi. leggendo, si sente che si tratta di un mondo che attualmente vediamo sempre meno (e siamo stati noi, ad omologare e appiattire tutto. estate, inverno, primavera, tutto uguale. stessi usi, stesse abitudini, quasi stesso clima. la scrittrice è molto critica su questo). per questo parlo di sentirsi "a casa", leggendola. si rratta di sentirsi comode in descrizioni per noi inusuali, sempre probabilmente pià rare. a meno di vivere in luoghi ancora incontaminati.
      grazie per le tue considerazioni e per l'apprezzamento, e un abbraccio caro a te :)

      Elimina

grazie per i commenti che lascerete :)
seppure non sempre riuscirò a rispondere personalmente a tutti, sappiate che apprezzo molto che qualcuno decida di spendere un po'; del suo tempo a farlo.
tiziana

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

shiny counter