giovedì 13 dicembre 2012

655 - quanto siamo connessi con il luogo in cui viviamo?

Chi mi conosce un po' meglio o segue questo blog da più tempo, sa quanto mi stia a cuore l'essere parte del luogo in cui vivo. Conoscerlo profondamente. Stabilire con questo una sorta di patto interiore di difesa e rispetto. Prendere proprio un impegno, in questo senso.
Sono io la prima custode del mio regno. Se lo imparo in ogni suo aspetto, sarò da questo imparata. Se mi metto sulla sua stessa lunghezza d'onda, se  stabilisco una sintonia, sono, in qualche sottile modo convinta, vi sia una sorta di ritorno. 
Non vi sentite, a volte, quasi osservati dalla natura? Non sentite su di voi l'attenzione di alberi, uccelli, radure, stelle, fiumi? A me capita spesso. (No, non mi drogo ;))

A questo proposito, per rimanere sempre più connessa con l'ambiente che mi accoglie, rileggo da tempo un questionario composto da Wendell Berry poeta, scrittore, bioregionalista, contadino.
Si tratta di una quarantina di domande sul mondo che ci circonda, quello fatto da alberi e uomini, sui nostri consumi, su quanto siamo o potremmo essere autonomi.

Ho voglia di proporvelo oggi, perché possiate, volendo, osservarlo con curiosità.

In realtà quello che trovate qui non è il questionario originale,  modellato sulla realtà del luogo in cui vive Berry. 
Quello che segue è una mia versione: ho tolto qualche domanda, qualcuna l'ho aggiunta, altre ancora le ho rimodellate cercando di adattarle alla nostra realtà: del resto, un questionario su una realtà viva deve poter vivere e respirare e anche cambiare con questa.

È possibile che non sappiate rispondere a qualche/molte domande. Nessun timore: c'è margine di miglioramento. 
Io stessa, che conosco il questionario da anni, non ho ancora tutte le risposte.
Proprio per questo mi piace riosservarlo nel tempo e vedere se sono migliorata. 
A volte accade. altre no.

Bene.
Le domande sono qui di seguito.
Buona viaggio nel vosto luogo. Buon radicamento alla vostra realtà.
E perché no, buon divertimento.

Partiamo dalla tua casa: 
- Uscendo, guardando dalla finestra, qual è il primo albero che vedi? Ne conosci la specie?  Si tratta di una specie indigena? Sai se e come cambia nel corso delle stagioni?
- Sai indicare dove si trova Nord?
- Tra quanti giorni c'è la luna piena?
- Riesci a citare cinque tipi di uccelli migratori dei tuoi dintorni?
- E cinque di uccelli stanziali?
- Ti capita di fermarti ad osservarli? Quanto li conosci?
- Sai a che ora sorge il sole domattina?




- Sai quando è stata costruita la tua casa?
- Ricordi chi l'ha costruita? Hai idea dei materiali di cui è composta e da dove vengano?
- Se non sei il primo che la abita, sai chi ci viveva prima?
- Hai idea di cosa ci fosse prima in quell’area? 
- Conosci l’origine del nome della città/borgo/villaggio dove vivi?
- Ne conosci le vecchie storie?
- Da dove provenivano i tuoi nonni e bisnonni? A quante generazioni di antenati puoi risalire?
- Ne conosci le storie?


- Quale sorgente alimenta il tuo rubinetto? 
- Dove si trova esattamente? L'hai mai visitata?
- Sai quanta acqua consumi in un anno?
- Quanti sacchi di spazzatura produci in un giorno? (moltiplicali per le settimane, arriva a un anno)
- Sai dove finiscono esattamente e come vengono trattati?


- Conosci la natura del suolo sul quale abiti?
- Puoi citare cinque piante commestibili che crescono nella tua zona?
- Le sai riconoscere? Sai in quale stagione trovarle?
- Ti è mai capitato di mangiarle? Raccolte da te, o da altri?
- Da dove provengono abitualmente le tue arance?
- Qual è il livello di precipitazioni nella tua zona?
- Sai dove si trova la fermata dell’autobus più vicina?


- In primavera, quali sono i fiori selvatici che sbocciano più vicino a te?
- Sai quando inizia la loro fioritura?
- Dove si trova la centrale elettrica più vicina? 
- A che distanza si trova l’antenna per cellulari più vicina?
- Quali sono, se ve ne sono, le fonti di disturbo visivo/olfattivo/uditivo più vicine?
- Hai mai fatto una ricerca per capire come queste potrebbero essere mitigate?



- A quale distanza si trova la zona selvatica più vicina a te?
- Guardando dalle finestre, puoi indicare i nomi dei crinali, boschi, radure, sentieri, o qualunque altro elemento naturale tui riesca a vedere, seppure in lontananza?
- Qual è la distanza massima che hai percorso a piedi partendo da casa?
- Quante delle persone che vivono in un raggio di cinquecento metri da casa vostra conosci personalmente? Che tipo di rapporti avete?
- Quando hai prestato l’ultima volta un oggetto ad un vicino di casa? Cosa era?


- Qual è stata l'attività principale nella tua zona negli ultimi cento anni? E andando ancora indietro di cinquecento anni? E mille anni fa?
- Se all'improvviso il denaro perdesse tutto il suo valore, quanto saresti autunoma/o? Quanto potresti mangiare/scaldarti/coprirti/vivere nel luogo dove abiti?
- Pensa agli oggetti che usi di più nella quotidianeità: quanti e quali potreste fabbricare da te?
- Qual è il vento che soffia più frequentemente sui tuoi vetri? 
- Quante costellazioni puoi distinguere dalla tua camera da letto?



Quand'è l’ultima volta che hai guardato il cielo?


***

Un lavoraccio eh. Complimenti intanto a chi l'ha letto tutto.
non vi chiedo com'è andata, anche perché è imposibile dare una risposta a tutte le domande la prima volta che si leggono.
Il mio consiglio è, se siete interessate/i, di stamparle, rileggerle nel tempo, farle vostre intimamente, magari aggiungendone o togliendone, adattandole a voi e alla vostra realtà, così come ho fatto io.

Con l'augurio di sempre più buone osservazioni e sempre maggior radicamento, ovunque voi vi troviate, ovunque voi andrete, un caro saluto e a presto.

* Tutte le foto sono state scattate da me durante le ultime passeggiate e provengono dunque dai luoghi che mi circondano.

14 commenti:

  1. Tiziana, mi hai letto nel pensiero (e non sarebbe la prima volta!). Non so da quanto tempo pensassi di fare una cosa del genere; non sapevo nemmeno che qualcuno l'avesse fatto. So già che a moltissime delle domande non saprò rispondere e che a molte altre darei risposte vaghe, tipo "credo... non so... immagino". Ma l'importante è cominciare a farsele, queste domande. Diventare coscienti della loro urgenza.
    Grazie davvero. Come un bambino che pensa tutto il mondo ruoti intorno a lui, prendo questo tuo post come un regalo di compleanno, un BELLISSIMO regalo di compleanno, tutto per me.
    Un abbraccio pieno di affetto :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. una vera festaggiata qui da me! :)))
      sono felice Alessia che questo possa essere per te quasi un regalo.
      a me fa stare bene anche solo pensarle queste domande, interiorizzandole nel tempo.
      le ho volute condividere proprio pensando che potessero, a qualcuno, fare lo stesso bene. non posso che giore nel constatare che è così.
      un abbraccio e ancora gli auguri più belli per te!

      Elimina
  2. E' strano rendersi conto che a molte delle tue domande, io non riesca a rispondere... Diamo per scontate alcune cose, guardando solo la superficie senza scendere alla sostanza delle cose! Grazie per la riflessione;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te Nina anche solo per esserti fermata a pensarci.
      un abbraccio! :)

      Elimina
  3. proprio una bellissima idea, siamo così immersi nell'idea di essere/andare da qualche altra parte che ci perdiamo il bello di dove siamo/viviamo/amiamo.
    La stamperò e cercherò di farla mia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, siamo così frastornati e sempre di fretta. questo è anche un modo di fermarsi, respirare.
      un saluto! :)

      Elimina
  4. In un periodo così inconcludente, come questo per me, dove il tempo mi scappa dalle mani, e dove devo fare 3000 cose, ed a malapena ne porto in porto una, riesco solo a passare fugacemente di qua, per dirti: splendide foto!
    Nella speranza, che arrivi presto il momento, in cui riesca a godermi, ciò che scrivi!
    Bacioni per aria
    C°*°

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Elenita! tranquilla, il momento verrà. e non tanto per leggere me, quanto proprio per... goderti il tuo momento di calma in santa pace :) un bacio!

      Elimina
  5. ... vivo in quella luce, in quelle foglie, in quei rami intricati. Non qui, ma altrove. Non sono qui realmente, per cui qui non vivo. Esisto solamente, lontano da dove è la mia mente e il mio essere. Sei stupenda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche tu Ely. sono felice di averti conosciuta :)

      Elimina
  6. è un argomento che mi tocca molto. farò come dici, stamperò le domande e ci penserò. grazie per lo spunto, ti condivido su fb

    RispondiElimina
  7. Piacere di conoscerti. Anche io non so rispondere alla maggior parte delle domande ma le conservo per cercare le risposte con calma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. piacere mio Palmy. grazie per essere passata da qui. per le risposte, la calma è proprio l'elemento necessario. a presto :)

      Elimina

grazie per i commenti che lascerete :)
seppure non sempre riuscirò a rispondere personalmente a tutti, sappiate che apprezzo molto che qualcuno decida di spendere un po'; del suo tempo a farlo.
tiziana

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

shiny counter