mercoledì 26 dicembre 2007

57 - tutto si muove

mi piace cercare, vedere, trovare per caso, il segno della continuità.
in agosto, la prima pioggia d'autunno.
nel cuore della notte il canto dei primi uccelli del mattino.
nell'inizio dell'inverno, un segno della primavera.

che si trova in questi appena spuntati bocci di peonia.
così nuovi, su quel vecchio ramo legnoso.
minuscoli, ma già carichi di quel rosa che così fortemente li caratterizzerà.

la terra respira.
il cielo si muove.
tutto gira in cerchio.
tutto torna.


come dice gary lawless in quella che è una delle mie poesie preferite:

"... il corvo vola sopra la superficie delle cose,
l’aquila calva guarda attraverso
strati di aria e d’acqua in attesa che passi il pesce lucente

nel freddo fiume come luce di
un altro mondo.

tutto si muove,
tutto si muove per tornare insieme, tornare insieme
e dividersi, di nuovo.
l’acqua scorre.
il cuore batte.
ti sto aspettando alla bocca del fiume."

sabato 22 dicembre 2007

56 - solstizio d'inverno

"il solstizio è un fermarsi del sole nel suo viaggio, una pausa per riflettere. il solstizio d'inverno è la porta degli dei, il viaggio verso la luce..."
(etain addey - una gioia silenziosa - ed. ellin selae)

venerdì 14 dicembre 2007

55 - ancora mi piacciono, in dicembre

la scala poggiata sull'albero dei limoni

un cuore e una stella a illuminare i vetri delle notti più lunghe dell'anno...

martedì 11 dicembre 2007

54 - mi piacciono, in questi giorni di dicembre...

tre finestre in fila illuminate nella prima sera

due fiori di camelia sul selciato

le ultime foglie staccate dalla pioggia


l'albero all'angolo della strada, che pare addobbato per natale... :)

sabato 8 dicembre 2007

53 - home

strane presenze nel mio armadio della biancheria... :)

giovedì 22 novembre 2007

52 - suggestioni di mezz'autunno

la nebbia, il mare, i gatti.
per un'autunnale suggestione in bianco e nero.

giovedì 8 novembre 2007

50 - la mia ciotola preferita

tra tutte, questa è la mia ciotola preferita.

mi piace perché è bianca.
rotonda.
semplice.
senza manico, la posso circondare con entrambe le mani.

mi piace ancora di più, per i suoi segni.
le tracce di tutte le volte in cui ho girato il cucchiaio prima di mangiare.

mercoledì 7 novembre 2007

49 - camminare nella nuvola

il sentiero cammina a 400/500 m s.l.m.
e la nuvola lo avvolge tutto.

ha un suo odore.
odore di nuvola.
ha un suo sapore. sa di nuvola.
è fatta d'acqua, ma non bagna.
e quando passa sulle cime degli alberi fruscia.

avvolge e si impiglia ai sassi, alle rocce scoscese.

a tratti si solleva leggermente, lasciando intravedere un mare colore di nuvola là in basso.

tra i rami dei tratti boscosi invece crea sipari di luce.



come tra le quinte di un teatro magico.

sabato 3 novembre 2007

48 - caldo e freddo

a volte, casualmente, le immagini prendono una loro via.
e per me, che non sono tecnicamente preparata, è ogni volta una sorpresa di quelle: "oooohhh!"
questa immagine, scattata nel pomeriggio qui fuori, è una di quelle.
ha in sé l'essenza dell'autunno.
il contrasto di ombra e di luce.
l'ororosso delle foglie e il blu delle brume boscose.
il caldo ed il freddo.

martedì 30 ottobre 2007

47 - ombre e bianco

carta di riso e foglie, per un'immagine che sa d'inverno, di bianco, di nebbia.

domenica 28 ottobre 2007

46 - sere d'autunno

mi piace la lieve malinconia delle sere d'autunno.
proprio ora, qui fuori, nel crepuscolo di foglie, di aria, di rami, cantano gli uccelli della sera.

la foto non c'entra nulla.
risale ad una settimana fa.
mi piaceva il contrasto giallo dei primi fiori di topinambur contro il rosa antico della casa.
dunque eccola qui.
tra le cose semplici che fanno stare bene.

lunedì 22 ottobre 2007

44 - una gita in cantina

una gita in cantina, sul far della sera, può svelare tesori nascosti...

avvicinandomi...

venerdì 19 ottobre 2007

43 - balletto

si incontrano a volte balletti inconsueti.

il groviglio iniziale

uno slancio di gambe

la moltitudine dei corpi

un'invocazione a braccia tese


l'assolo delle etoiles

il salto

spossatezza dopo l'applauso finale.

mercoledì 17 ottobre 2007

42 - magia autunnale

ottobre.
i gatti rinfoltiscono il pelo.
le tartarughe cercano una tana calda e sicura.
le lucertole spariscono nelle crepe di muro.
e noi?
noi ci raccogliamo in cucina, a bere tè.

"magia autunnale" è il nome di questa miscela di ceylon e cina, con aroma naturale di mela, ananas, arancia e aggiunta di foglie di mora, zafferano, fiori di fiordaliso.
il colore, il profumo, il sapore, il nome.
mai niente di più appropriato.
un vero viatico d'autunno.

sabato 13 ottobre 2007

41 - e dopo il mare...

e dopo il mare, che in questi giorni ci sta regalando le sue nuance più belle, ecco le sue figlie conchiglie.

ho sempre amato raccoglierne i gusci sulla battigia.
gusci e sassolini, con una predilezione per quelli bianchi.
sto lì, specie in autunno e in inverno, finché le mani e i piedi diventano gelidi.
a casa poi li metto in scatoline che distribuisco ovunque.

mi piace farli scorrere tra le dita, sentire il loro suono secco di guscio di conchiglia, pensare al sale che le ha levigate.

cose così, senza importanza... :)

venerdì 12 ottobre 2007

martedì 9 ottobre 2007

39 - mi piacciono certe atmosfere - home

la terza immagine imperfetta.
forse tra le tre la mia preferita.

la intitolo "a casa".
perché è casa.

le piccole cose che fanno stare bene. :)

lunedì 8 ottobre 2007

38 - mi piacciono certe atmosfere - la bottega del barbiere

un'altra immagine imperfetta di quelle che piacciono a me.

centro storico, tardo pomeriggio.
siamo nella vecchia bottega del barbiere, tra chiacchiere e profumo di dopobarba al mentolo...

domenica 7 ottobre 2007

37 - mi piacciono certe atmosfere - di sera

sempre più spesso, sempre con maggiore chiarezza, mi accorgo che ciò che mi piace è davvero l'imperfezione.
in vero stile wabi sabi.

e così, anche nelle foto, ciò che prediligo, non sono le immagini perfette, patinate, tecnicamente ineccepibili, ma invece, come le definisco nel titolo, certe atmosfere.

spiegare cosa intendo per certe armosfere non è semplice.
certe atmosfere sono tutti quegli scatti in cui sento, oltre che vedere.
sento un odore, uno stato d'animo, il suono del vento.
sento il freddo, il caldo, un sentimento, un'emozione...

e non m'importa se la foto è mossa, se i colori non sono ben definiti.
se quella foto riesce a farmi sentire, oltre che vedere.

questa per esempio, è, tra le mie foto, una delle preferite.

una banale vista di periferia.
l'immagine è un po' mossa, fuori fuoco.

ma ogni volta che la guardo, in qualsiai momento della giornata io sia, sento il crepuscolo, l'odore di pioggia e degli alberi spogli, il calore delle prime luci che si accendono.
mi pervade la magia, quella che sta in un momento qualunque.

e questo, sì, mi piace. :)

giovedì 4 ottobre 2007

36 - gli incontri piacevoli

ancora per la serie degli incontri piacevoli
una vetrina russa in una piazza altoatesina.

lunedì 1 ottobre 2007

35 - autunno sale le scale

oggi solo una suggestione di foglie.
ne trovo ogni giorno di più sulle scale di casa.

domenica 30 settembre 2007

34 - creuze e profumi

mi piace il profumo dei fiori autunnali.
senza la piena repentina sfacciata sensualità del profumo dei fiori di maggio, ha modi più pudici intensi persistenti per farsi ricordare.
apparentemente più segreto, arriva lento alle narici, come dopo un lungo seducente agguato.
porta con sè aromi di umido, di ombra, di polverosi scuri colori.
è pungente, e acuto, e insistente, desiderando solo di essere ricordato.

scendevo l'altra sera per una creuza.
è detta creuza nel dialetto della gente di qui, quella strada che, seppur cittadina, mantenga aspetto rustico, e scenda srotolandosi tutta precipitosamente verso il mare.
sovente pavimentata a ciottoli qui detti risseu, può essere delimitata ai lati da muri alti, che cingono giardini, o orti, o campi, o case.

la mia dell'altra sera era una creuza di campagna; conduce ad una minuscola spiaggia sassosa.
erano circa le sette, nessun altro lì attorno.
solo, nell'ultimo sole, mi attendeva questo profumo di fiori autunnali.

intimo e perseverante com'era mi ha accompagnato fino quasi alla vista del mare.

è ancora lì.
tende agguati ad altri ignoti viandanti.

sabato 29 settembre 2007

33 - carnet di viaggio - ultima parte - misurina e il silenzio

col silenzio ho iniziato questo carnet di viaggio e col silenzio la finisco.

avete presente il silenzio della montagna?
ecco, quello.

un silenzio immoto, remoto, profondo.
che sembra quasi di sentire il respiro della terra.

da quando sono tornata, non passa giorno, in cui sul calare della sera io non torni a misurina. passeggio lentamente sul lago.
le tre cime si stanno colorando di rosso.
due anatre solcano la superficie dirigendosi al centro del piccolo specchio d'acqua.
attorno nessuno.
solo boschi.
solo cielo.
solo acqua.
e silenzio.
un silenzio che cura.

e di cui avere cura.


fin. :)

venerdì 28 settembre 2007

giovedì 27 settembre 2007

31 - carnet di viaggio - terza parte - la neve

un giorno ci ha sorpreso una nevicata.
aveva tuonato tutta la notte, e già dal primo mattino la pioggia cadeva depositandosi in forma di minuscola perla
siamo usciti ugualmenti, curiosi noi, gente di mare, di questa cosa nuova.
non ci aspettavamo certamente ciò che nelle ore seguenti, pieni di primitiva gratitudine abbiamo visto e vissuto.


continua...

mercoledì 26 settembre 2007

30 - carnet di viaggio - seconda parte - fiori

sopra i duemila la vegetazione cambia completamente.
il paesaggio, privo di alberi, si fa lunare.
solo i fiori rimangono a fare conosciuta compagnia ai viandanti. fiori che appaiono sovente contorti, piegati dal vento, quasi asciugati delle loro fresche essenze.







come fossero appunto, fiori di luna.
continua...



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

shiny counter